Pesce per 4 con poco più di 20 euro

Un doppio menù di pesce per 4 persone, pranzo e cena, spendendo poco più di 20 euro, acquistando: 1 filetto grande di merluzzo, 1 seppia grande francese (che costano meno rispetto alle nostrane, ma sono comunque gustose), gamberetti in discreta quantità (vado ad occhio e non avendo lo scontrino non ricordo quanto pesassero, erano due abbondnti manciate prese dal pescivendolo, circa 300 g), anelli di calamaro (che dal pescivendolo si trovano già pronti, sempre due abbondanti manciate 250-300 g circa). Totale 22 euro, a cui si aggiungono delle cozze surgelate acquistate al supermercato (il mio pescivendolo aveva finito le fresche, ma essendo solo nota di colore, più che di gusto, il surgelato può essere in questo caso un elemento da usarsi e che permette di limitare i costi – anche se è un ingrediente di poca qualità). Ora abbiamo il pesce per comporre pranzo e cena per 4 persone. Un’idea:

Pranzo:

  • pinzimonio in vinegrette e piccoli pomodori farciti (ad esempio: tonno maionese e capperi, tonno maionese con uovo sodo sbriciolato, oppure farciti di formaggio spalmabile e erbe aromatiche di stagione: menta, basilico, prezzemolo – vedi qui);
  • paella (fatta con gamberetti – se ne possono comprare meno di quelli indicati sopra, e prendere qualche scampo rimanendo così nel budget per il pesce – anelli di calamaro, cozze, pomodoro fresco, 2 peperoni rossi piccoli tagliati a tocchi, porro e sedano per il fondo, vino bianco per bagnare, paprika piccante e zafferano, riso che io cuocio così: lo lesso, lo tengo molto al dente, lo coloro con zafferano sciolto in poca acqua tiepida, poi ultimo la cottura nella pentola del pesce e nel suo sughetto. Alla fine spruzzata di prezzemolo e basilico – poco – tritati e un giro generoso di olio di oliva; la paella è buona calda, meglio tiepida, da considerarsi anche fredda)

Per finire come dessert una piccola cheese cake al limoncello.

Cena:

  • Tajarin (tagliolini sottili tipici piemontesi) fatti in casa con seppia e il suo nero (qui la ricetta)

  • filetto di merluzzo saltato in padella con fette di pomodoro fresco ed aromi (maggiorana, mentuccia, prezzemolo, peperoncino) con polenta, insalata mista e fagiolini lessi. Dato che il filetto in cottura si ritirerà, e potrebbe non fornire una porzione abbondante per 4, ecco che si farà così: si caricherà sui tajarin, facendone un bel po’, e si servirà il secondo con polenta e contorno vario. La cena sarà in grado di saziare chiunque.
  • Dessert: zuccotto con biscotti imbevuti (caffè o liquore), panna e panna al cacao (dolce deizioso, sorprendentemente delizioso, rapido e poco costoso), da servire anche al bicchiere o in coppe monoporzione.

Naturalmente si possono combinare gli ingredienti creando piatti diversi: risotto di gamberetti e cozze, filetto di merluzzo a tocchetti pastellato e fritto, un’insalata di fagioli, sedano e calamari, ravioli ricotta e spinaci con sugo di seppia, cozze e gamberetti fritti su letto di polenta, gamberetti e cozze con verdure croccanti per degli spaghetti di riso o di soia ecc. Oppure proporre tutto il pesce solo per il pranzo: un’abbondante insalata di pesce con cozze, gamberetti, scampi, calamari e seppie; decidendo di lasciare il merluzzo come condimento per tagliolini, per una crespella, o base per una lasagnetta (conservando anche qualche cozza). Insomma, le combinazioni sono infinite, il costo limitato sia per il pesce che per gli accessori accompagnamenti e si mangia in 4.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...