La pasta fresca all’uovo

Dopo aver scritto una ricetta alla mia socia, una ricetta sui ravioli in cui descrivevo anche la pasta fresca, mi sono reso conto che ne era venuto fuori un papiro. Lei mi ha mostrato la sua ricetta della pasta fresca e, come è giusto che sia, era scritta in modo chiaro e sintetico. Perciò mi impegnerò per fare altrettanto.

Preparazione base: 1kg di farina, 8-10 uova (secondo la grandezza), un cucchiaio di olio, sale (circa 8-10 g).

Disporre la farina a fontana dopo averla passata al setaccio (consiglio: mettere la farina in un capiente contenitore, questo eviterà di dover inseguire le uova fin nel pavimento, finché non saranno state incorporate nella farina). Aggiungere le uova, l’olio e il sale. Sbattere le uova usando un dito, come fosse un mestolo. Durante questa operazione, la farina comincerà a crollare dalla cima della fontana, e così poco per volta verrà incorporata alle uova. Quando queste saranno ben sbattute, procediamo amalgamando bene tutti gli ingredienti usando i palmi delle mani. Lavoriamo il composto con forza fino ad ottenere una pasta liscia e sostenuta.

Formare tre panetti e lasciar riposare la pasta, in luogo fresco e coperta con un panno umido, per circa un’ora affinché perda la sua elasticità. Quindi con il matterello, o con l’apposita macchina, ottenere le sfoglie dello spessore desiderato.

Tips:

  • Per una pasta fresca più gialla, come si usa adesso, lavorare la pasta privilegiando l’uso di tuorli d’uovo (comunque devono esserci anche uova intere. Cercate la proporzione che preferite).
  • Una pasta più umida (con un maggiore contenuto di uova, 10 per kg) permette di lavorare meglio tortellini, ravioli, cappellacci ecc. in sintesi paste ripiene. Si chiude più facilmente la sfoglia una volta che vi si è adagiato sopra il ripieno.
  • Una pasta più secca (8 uova per kg, o 6 uova con l’aggiunta di un filo d’acqua, cercare la proporzione desiderata) è ideale per poi ottenere tagliatelle, tagliolini, pappardelle, maltagliati ecc. Si lavora e si taglia meglio.
  • Se la vostra pasta è troppo umida, tirate le sfoglie e poi lasciatele alcuni minuti riposare, ciò le farà seccare.

Annunci

7 thoughts on “La pasta fresca all’uovo

  1. 😀 no, non credere, non è difficile, chiaro che poi più uno si impratichisce più impara, soprattutto a trovare le giuste proporzioni uova intere, tuorli ecc. per creare la sua personale formula di pasta fresca, però non ci vogliono secoli per farla, e non è complicata.

  2. Prima o poi mi cimenterò…
    Intanto, sto programmando la mia prima lasagna, ma per l’inizio userò la pasta già pronta che mi semplifico un po’ la vita! Ma prometto che imparerò a farla io 😉

  3. Pingback: Tagliatelle del primo Autunno | Aggiungi un post a tavola

  4. Pingback: Tagliatelle del primo Autunno « Taglia&Cuoci

  5. Pingback: Variazioni sul tema 2: pappardelle gamberoni e curry « Taglia&Cuoci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...